Acquista Card cultura Acquista Card cultura

San Lazzaro di Savena

Spritz.jpeg

Quest’anno SpritzArte giunge alla sua sesta edizione!

13 e 20 giugno dalle ore 19:00 -  4 luglio dalle ore 19:00

Festeggiamo insieme l'arrivo dell'estate con tre appuntamenti serali all'insegna della cultura e dell'incontro con una passeggiata in museo della durata di circa 40 minuti dedicata a focus diversi, seguita dall'aperitivo al fresco del dehors Sulla Via Emilia Cafe’ e Cucina, adiacente la Fondazione Cirulli.

Vantaggi abbonati Card Cultura: visita guidata + aperitivo ad € 20 (invece di € 23) con prenotazione obbligatoria scrivendo a info@fondazionecirulli.org

Programma:

Giovedì 13 giugno | ore 19
SMS: a Collection of Original Multiples. The Letter Edged in Black Press, Inc., New York

L’arte su abbonamento. 150 dollari per ricevere comodamente a casa opere di artisti come Christo, Man Ray, Duchamp, Yoko Ono, Oppenheim, Linchtenstein e tanti altri. È questo il geniale e irriverente progetto editoriale di William Copley, che nel 1968 lancia il periodico d’arte SMS (Shit Must Stop) per un totale di sei edizioni, ciascuna delle quali contiene 12-13 opere create dagli artisti più influenti del periodo.

Giovedì 20 giugno | ore 19
La nascita della città moderna 

Una lettura intensa e multiforme dell’immaginario architettonico e urbano nella cultura italiana della prima metà del secolo scorso che recupera le proposte più significative provenienti dall’architettura e dalle arti figurative, dalla città futurista di Antonio Sant’Elia ai progetti modernisti per la stazione di Milano di Arrigo Cantoni, passando per il paesaggio arabesco di Osvaldo Licini.

Giovedì 4 luglio | ore 19
Un laboratorio creativo

Un incontro alla scoperta della storia dell’edificio sede della Fondazione, progettato e realizzato nel 1960 dagli architetti e designer Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Dino Gavina, storico imprenditore visionario bolognese.La passeggiata in museo ricostruisce il ruolo chiave che questo edificio ha avuto nella storia della cultura visiva e del design industriale del XX secolo, quando era un laboratorio creativo frequentato da artisti e designer come Carlo Scarpa, Marcel Breuer, Man Ray e Marcel Duchamp.